lunedì 24 novembre 2008

IL DECORO RAFFAELLESCO NELL' ARTE DELLA CERAMICA

Ho voluto riprodurre un antico decoro impiegato da Raffaello Sanzio negli affreschi delle stanze vaticane ispirato alla grottesca, nella metà del seicento. Naturalmente il mio disegno non è una copia precisa, ma una mia rivisitazione di questo decoro, che mi piace molto e dal quale ho preso spunti.
Come vedete i colori dominanti sono quelli del giallo e del bruno, su sfondo bianchissimo. Con questi toni potrei fare benissimo anche lo sfondo tutto blu.... Magari lo farò per il prossimo piatto.

Adesso osservate con attenzione le scure foglie nella cesta in alto del piatto e le alette viola dei draghi. Vedrete che questi elementi cambieranno totalmente il colore quando il piatto uscirà dal forno.

Come diventeranno, scoprite dalle mie foto nei prossimi post.

Considerate anche, che
le pennellate devono essere veloci e precise, perchè il pennello impregnato di colore appena viene appoggiato sullo strato di smalto è quasi subito assorbito. Questa difficoltà viene superata con la pratica ed è anche uno dei fattori che rende la ceramica decorata a mano più pregiata.

A questo punto il mio piatto è quasi pronto.
Per terminarlo manca solo la rifinitura del bordo.

3 commenti:

  1. Mi complimento con te Martinia!,hai fatto uno splendido capolavoro!..grazie per regalare i tuoi segreti..ciao

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora che ci mostri il piatto dopo la cottura!! Questa tecnica non è affatto facile ma tu spieghi così bene che sembra alla portata di tutti!! Scusa la curiosità...ma tu quanti anni sono che dipingi? Ciao e continua così...io mi sono iscritta ai tuoi feed, non voglio perdermi nemmeno un post!!

    RispondiElimina
  3. Un salutone grandissimo a Mauro e Decoratrice Italiana. Sono 7 anni che dipingo e vi assicuro che è una tecnica che possono apprendere tuti. Basta solo la pazienza, un pò di tempo, pizzico di creatività e tanta voglia.Provateci!

    RispondiElimina

ShareThis